Sito econnet



 19 giugno 2018


Nonostante gli strumenti di sicurezza presenti in Office 365, gli analisti di Gartner consigliano di adottare una strategia di cybersecurity più efficace, integrando gli strumenti Microsoft con quelli di terze parti. In particolare viene segnalata la necessità di proteggere e monitorare più efficacemente il servizio di posta elettronica.

Ecco alcuni suggerimenti che Gartner propone riguardo la sicurezza di Office 365


Le sempre più numerose applicazioni di Office 365 possono essere veicoli di attacco sebbene sarà il loro effettivo utilizzo a decretare la reale pericolosità.

Nel 2020, il 50% di tutte le organizzazioni che utilizzano Office in modalità SaaS migliorerà la sicurezza della posta con strumenti di terze parti.

Viene consigliata l'implementazione di funzionalità di scansione antispam e malware e l'utilizzo di sandboxing.

E' importante analizzare l'idoneità delle funzionalità di sicurezza dei dati e delle protezioni di Office 365 in base alla tolleranza al rischio, ai requisiti di conformità e di archiviazione e consegna dei contenuti.

Vade Secure grazie agli oltre 10.000 algoritmi euristici, con otto livelli di analisi, verifica ogni giorno miliardi di messaggi in tutto il mondo. È così in grado rilevare minacce note e sconosciute come malware zero-day, varianti di ransomware e persino sofisticati attacchi di social engineering, incorporati nelle e-mail di phishing. Questa analisi globale viene quindi combinata con l'analisi locale e comportamentale per studiare stili e abitudini organizzative e individuali e quindi identificare modelli sospetti. Vade Secure è la migliore implementazione di sicurezza per Office 365.

Richiedi il rapporto completo di Gartner sulla sicurezza di Office 365

Scarica la brochure in italiano di Vade Secure

Richiedi un'offerta per una protezione completa con Vade Secure




seguici su twitter seguici su facebook seguici su Linkedin